Business plan

Come fare un business plan? Soprattutto, perché?

Come realizzare un business plan dipende da una domanda: per CHI vogliamo farlo? Il modo e la profondità di affrontare lo sviluppo di un piano industriale variano infatti in funzione del destinatario.

Se lo “dobbiamo” fare, perché ce lo ha chiesto la banca per erogare un prestito o perché è necessario per partecipare ad un bando di finanziamento agevolato, allora sappiamo che la massima attenzione e capacità di “lettura” del nostro interlocutore sarà sulle proiezioni economiche e finanziarie e sulla validità delle ipotesi.
Se deve essere fatto perché i nostri creditori devono approvare un piano di risanamento, legato o meno ad una procedura, la massima attenzione sarà posta sui flussi di cassa nel breve o medio periodo e sulla corretta valutazione del patrimonio di partenza.
E se invece lo vogliamo presentare ad un finanziatore per convincerlo di condividere il rischio dell’investimento nella nostra azienda, sia questi un potenziale socio, un azionista o un fondo di private equity? Allora dovremo convincerlo della validità della nostra idea di business, della capacità di realizzarla da parte della nostra azienda e delle probabilità di avere successo nel mercato.
Ma è l’imprenditore che, periodicamente e particolarmente nei momenti di discontinuità, deve provare a sviluppare un business plan per verificare la coerenza della la sua visione del mercato, degli obiettivi strategici che si è dato e del piano di azioni che ha in mente, con la situazione del mercato e le proprie risorse.
Modello di Business Plan
L’elaborazione del business plan richiederà di mettere a fuoco:
  • le scelte strategiche del posizionamento prodotto/mercato/canale
  • la disponibilità delle risorse umane e finanziarie necessarie
  • la coerenza tra strategie>modello di business>organizzazione>piano di sviluppo>proiezioni
  • la relazione causa-effetto tra azioni previste e risultati attesi, ma dovrà dimostrare che l’offerta di prodotti e servizi produrrà per i clienti e, ancor meglio, per i clienti dei clienti, un miglioramento dei loro benefici e guadagni in termini complessivi.
Il piano si focalizzerà su:
  • Storia e situazione complessiva dell’azienda
  • Situazioni e tendenze del mercato, evoluzione della clientela e posizionamento rispetto ai concorrenti
  • Visione strategica (vision, mission, punti di forza e di debolezza)
  • Business Idea e Valore per i clienti
  • Modello di business e reti
  • Gamma prodotti, ricerca e innovazione
  • Organizzazione generale, commerciale e produttiva
  • Il piano di sviluppo e le risorse necessarie
  • Il piano economico e finanziario (conto economico, stato patrimoniale e cash-flow)
  • Analisi di sensitività alle variabili critiche
  • Rischi, criticità e contromisure
Termini d'uso | Privacy - © mcs consulting studio associato powered by Claim.brandindustry
MCS CONSULTING STUDIO ASSOCIATO di Paolo Stocco e Associati - Via Verdi, 30 - 31100 Treviso
tel. 0422.540478 - mcsconsulting@mcs-tv.com - C.F. e P.IVA: 04689900266, Cap. Sociale € 100.000,00 i.v.